header image
Renato Cappellini Stampa

 

Renato Cappellini è nato a Soncino nel 1943. Con lineare progressione l'apprendista elettrauto passa dal campo dell'oratorio di Soncino allo stadio comunale di Codogno. Continua a giocare e lavorare, finchè non firma un contratto senza ritorno con l'Inter.

Da qui il lancio! Anche se inizialmente la strada per il Soncinese non è stata facile, poichè non è mai titolare, il giovane non si scoraggia, si allena duramente ed inizia a conquistarsi una posizione. Nel 1966 vince il premio "Giocatore d'0ro" Under 23. Ma nella stagione 66-67 vive il dramma interista di perdere tre titoli in 15 giorni: La finale di Coppa campioni con il Celtic, il Campionato con la sconfitta di Mantova e la Coppa Italia con il Padova.

 Traumatica ed inaspettata, e mai spiegata, nel '68 giunge alla cessione al Varese. Poi 5 belle stagioni alla Roma con Helenio Herrera. Seguono gli anni con la Fiorentina, il Como e il Chiasso. In Svizzera chiude la sua vita calcistica onorata anche da due presenze e un goal in nazionale. Avvia così la sua lunga e dignitosa stagione di allenatore e osservatore.

Associazioni
logo_borghi_italia
citta_murate_castellate3
Immagine Del Giorno
soncino (3).jpg
Iscrizione News

Newsletter