header image
POESIE DIALETTALI Stampa

 

LE S CETE DE SUNSI’

 

Le s cete de Sunsì

le ga nigot de fa.

Le ga dis a le so mame

che le va ai predichecc

e nvece le suguta

det e fora dei melgasecc.

Le ga dis a le so mame

che le va ai predichecc

e nvece le suguta

det e fora dei melgasecc.

Le s cete de Sunsiì

le ga nigot de fa

le ga dis a le so mame

de lasale maridà.

Barabum, zi bum

barabum zi bum.

E anche le so mame

sbrufune anche lure

E maridif ragasse...

tudì mia en sunadur...

Tudì mia en sunadur

e gnà en furester

Ve toderò la banda

che la gabe en bun mester...

E lure le va en cesa

E le ga dis a Rustighì:

al ma porta na cadrega...

che la paghe a San Marti.

Se le va per le cuntrade

col fasulet didre,

vardighe le scarpète..

le ga fora i dicc dei pé.

Le ga dis a le so mame

…….

E lure le fa chest

per maridas pò prest

le porta la medaia...

col bindilì celest.

O zent, o zent, o zent,

ghe sucess en gran spaent..

Le s cete de Sunsì..

le ga perdit el sentiment.

 

LE RAGAZZE DI SONCINO

 

Le ragazze di Soncino

Non han da fare niente.

Dicono alle mamme loro

Che vanno alle prediche

E invece sono sempre

Dentro e fuori dai campi di mais

Dicono alle mamme loro

Che vanno alle prediche

E invece sono sempre

Dentro e fuori dai campi di mais

Le ragazze di Soncino

Non han da fare niente.

Dicono alle mamme loro

di lasciarle maritare.

Barabum, zi bum

barabum zi bu

E anche le mamme loro

Sbruffone pure loro

Ragazze maritatevi pure

Ma non sposate un senatore

Non sposate un senatore

E nemmeno un forestiero

Vi prenderò la banda

Che abbia un buon mestiere

E loro vanno in chiesa

e chiedono a Rustighì

mi porti una sedia

che la pago a San Martino (quando posso)

Se girano per le vie

col fazzoletto in testa (per farsi belle)

Controllate le scarpette

Spuntano le dita dei piedi (sono straccione)

Dicono alle mamme loro

………..

E loro fanno così

Per sposarsi più presto

Loro portano la medaglia

Col nastrino azzurro.

O gente, o gente, o gente,

è successo uno spavento ( l’incredibile)

le ragazze di Soncino

hanno perso il sentimento. ( buon senso)

 

 

Stradèla dei vint'an  !

(Le funtane  sante)

 

Chè bela stradela

de campagna

con so’ le rose,

la ma ricorda

èl tep de le muruse ..

chè bele pasegiade

al ciar dè luna !

Quante olte go sugnat

sta stradela

al tep che sere luntà

de Sunsì,

sugnae i fòs d'acqua

che cantaa

èl prufum dè l'erba

èn mès ai prat ….

Ades so che me sul

ne la stradela,

al par d'èn " Tone"

ma arde ‘nturno

è vède amò le rose,

ma i sogn e la murusa

i gh'è po’.

Ma sé no troe

i sogn de na olta

èn pò de pace

che, la troe amò,

ma sente zo cuntènt

so na soca

e prope 'n facia

ède na Santela…

Ghè det na Madunina

chè surit,

èl ma par èl suris

dè me mama.

.... forse stasera

la ma ciama ....

 

 

PROVINCIA 1964

 

Stradina dei vent’anni !

(Le fontane sante)

 

Che bella stradina

di campagna

con le sue rose,

mi ricorda

il tempo delle morose…

che belle passeggiate

al chiar di luna !

Quante volte ho sognato

questa stradina

quando ero lontano

da Soncino,

sognavo i fossi con l’acqua

che cantava

il profumo dell’erba

in mezzo ai prati…

Adesso sono qui, solo

nella stradina,

come un estraneo

mi guardo intorno

e vedo ancora le rose,

ma i sogni e la morosa

non ci sono più.

Ma se non trovo

i sogni di una volta

un poco di pace

qui, la trovo ancora.

Mi siedo contento

su un ceppo

e proprio di fronte

vedo una Santella….

c’è dentro una Madonnina

che sorride.

Mi pare il sorriso

Di mia mamma.

…..forse stasera

mi chiama….

 

 
 
 Soncino 
 La mia Soncino 
 Piccola fontana 
 Madonnina dela Serraglio 

ALTRE..

 Me nona...

 
El pitur...
 

 La not...

Le pegure...

Madona dei caài...

I nigui..

L'autuùn...

 Le Tor Dè Sunsì...

 

 

 
Associazioni
logo_borghi_italia
citta_murate_castellate3
Immagine Del Giorno
s_mariasoncino.jpg
Iscrizione News

Newsletter